MUSEO NAZIONALE ETRUSCO "POMPEO ARIA" E AREA ARCHEOLOGICA DI KAINUA   TEMPORANEAMENTE CHIUSO
Via Porrettana Sud 13, 40043 Marzabotto (BO)

Tel. +39 051.932353 Fax +39 051.932353

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Orari di apertura 

 

orario invernale (in corrispondenza con l'ora solare)

martedì, mercoledì e giovedì dalle 9:00 alle 16:00
venerdì, sabato, domenica e festivi infrasettimanali dalle 10:30 alle 17:30
lunedì chiuso

 

orario estivo (in corrispondenza con l'ora legale)

martedì, mercoledì e giovedì dalle 9:00 alle 16:00
venerdì, sabato, domenica e festivi infrasettimanali dalle 11:00 alle 18:30
lunedì chiuso

 

Servizi didattici ed educativi a cura del Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università degli Studi di Bologna.

Per info e prenotazioni: - www.marzabottoetrusca.it - www.facebook.com/MuseoEtruscoMarzabotto/ - (+39) 334 930 3338

 

 

Ingresso

intero € 3,00

agevolato € 2,00 (giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni)

gratuito per tutti i cittadini di età inferiore a 18 anni e ogni prima domenica del mese da Ottobre a Marzo e nei giorni 12 maggio, 13, 14, 15 agosto e dal 26 al 29 dicembre.

integrato € 5,00 in abbinamento all'opuscolo "Kainua e Spina. Etruschi a confronto".

sono previste ulteriori agevolazioni per l'ingresso > v. link

 

 

 

 

 

  Carta della qualità dei Servizi

   scarica il pdf

 

 

 

 

Museo Nazionale Etrusco "Pompeo Aria" e area archeologica di Kainua

 

Nel 1886 il conte Pompeo Aria promosse la classificazione e lo studio dei reperti provenienti dagli scavi di Marzabotto: presso la sua residenza “Villa Aria” nacque così il primo nucleo del museo.
Nel 1933 la collezione archeologica fu ceduta allo Stato e trasferita nella sede attuale, dove subì gravi danni durante la Seconda Guerra Mondiale. L’esposizione odierna risale in gran parte agli anni Settanta.
La Sala I illustra la storia del museo e della città etrusca di Marzabotto, la Sala II le aree sacre e la vita quotidiana. La Sala III presenta i contesti di abitato fino alle fasi finali d’occupazione, la Sala IV è dedicata ai siti archeologici della Valle del Reno.

 

001 Il Museo Nazionale Etrusco Pompeo Aria

Il Museo Nazionale Etrusco Pompeo Aria

 

La città etrusca di Marzabotto costituisce un eccezionale esempio di pianificazione urbana. L’area archeologica consente di rivivere l’atmosfera di un ambiente cittadino fatto di case, strade, templi, officine. 
Sui resti di un precedente abitato del VI sec. a.C., intorno al 500 a.C. gli Etruschi fondarono Kainua – “la (città) nuova” – con un complesso rito religioso di cui è testimonianza il cippo con croce graffita collocato al centro della città. 
Kainua prosperò grazie alla sua posizione strategica lungo il corso del fiume Reno, importante direttrice commerciale tra la Toscana settentrionale e la Pianura Padana. Fu abbandonata verso la metà del IV sec. a.C., in concomitanza con la calata dei Celti in Italia. In età romana l’area della città etrusca era ormai campagna, rimanendo tale fino alla sua riscoperta nell’Ottocento. 
 

002 Larea archeologica di Kainua

L'area archeologica di Kainua

 
L’impianto urbano si sviluppa attorno a un ampio asse viario nord-sud intersecato da tre strade est-ovest. Una serie di strade minori definisce isolati stretti e allungati entro cui sorgono case e impianti artigianali. Il settore nord-orientale della città ospita due grandi templi dedicati a Tinia e Uni, le principali divinità del pantheon etrusco. Monumentali edifici sacri sorgono anche sulla collina dell’acropoli, oggi accessibile attraverso il ponte sulla SS64 Porrettana. A est e a nord dell’area urbana si sviluppano le necropoli, di cui restano numerose sepolture sormontate da segnacoli funerari di forme e materiali diversi.
 

005 Kylix attica a figure rosse con Eracle che sostiene Dioniso ebbro 400 390 a.C. min
 

Kylix attica a figure rosse con Eracle che sostieneDioniso ebbro (400-390 a.C.) 

 

003 Veduta della necropoli est min min copia

Veduta della necropoli est 

004 Laltare D sullacropoli min min copia

L'altare D sull'acropoli